salta la barra  Po-Net  Cultura a Prato  Musei di Prato e Provincia  Museo della Deportazione
Po-Net
 indietro
Musei di Prato e Provincia

Museo della Deportazione (Prato)

Sede: Via di Cantagallo, 250 - 59100 Prato (PO) - Figline

Telefono: 0574 470728 - 0574 461655 -

Fax: 0574 461655

Orario:

da ottobre a maggio:
da lunedý a venerdý 9.30 - 12.30;
lunedý, giovedý, sabato e domenica 15.00 - 18.00.
Aperture straordinarie per gruppi organizzati e scolaresche previa prenotazione.

da giugno a settembre:
da lunedý a venerdý 9.30 - 12.30;
lunedý, giovedý, sabato e domenica 16.00 - 19.00.
Aperture straordinarie per gruppi organizzati e scolaresche previa prenotazione.
Sito web dettaglio orario

Sito web: http://www.museodelladeportazione.it/
E-mail: info@museodelladeportazione.it

Il Museo - spazio espositivo
Il Museo - spazio espositivo

Presentazione

Il percorso nel Museo della Deportazione è concepito come un viaggio simbolico in un campo di lavoro e di sterminio nazista.
Si vuole così ricordare la vicenda degli operai del Pratese deportati nei lager di Mauthausen e di Ebensee in Austria e, con essa, quella di milioni di uomini e donne, vittime di rastrellamenti avvenuti in ogni parte d'Europa, deportati per motivi politici e razziali secondo il disegno di asservimento e annientamento di interi popoli messo in atto dal III° Reich durante il secondo conflitto mondiale.

Gli oggetti esposti

Alcuni oggetti esposti, donati alla città dall'Associazione degli ex deportati, sono originali, provenienti dai campi e dalle fabbriche scavate in gallerie nelle montagne di Ebensee dagli stessi prigionieri.
Altri sono stati ricostruiti per iniziativa dei pochi superstiti, dopo il loro ritorno a Prato, per la necessità di testimoniare le atrocità subite nel lager e le terribili condizioni del lavoro-schiavo.

Oltre ad avere un indubbio valore di testimonianza, gli oggetti (collocati in espositori che suggeriscono "squilibrio e precarietà") possiedono anche un significato simbolico: ci raccontano che un oggetto apparentemente insignificante, ad esempio una ciotola, poteva voler dire sopravvivenza o morte.

Il percorso museale è arricchito da testimonianze scritte e da un nuovo percorso audiovisivo dal titolo "Con i miei occhi - Voci e volti di superstiti dei campi di concentramento e di sterminio nazisti" - inaugurato nel settembre 2010 con il contributo dell'Unione Europea - che , attraverso video-interviste ai testimoni, accompagna il cammino dei visitatori.


Data ultima revisione dei contenuti della pagina: 20.12.2013
 indietro  inizio pagina
Personalizza il sito:  bianco su nero giallo su nero nero su bianco senza css
La pagina rispetta le specifiche XHTML 1.0 del W3C La pagina rispetta le specifiche CSS 2.1 del W3C La pagina Ŕ conforme alle WCAG 1.0 Doppia A